L’abilità di ricontestualizzare

Milton Erickson, probabilmente il più grande terapeuta mai vissuto, spesso aiutava le persone utilizzando ciò che esse “sapevano, ma non sapevano di sapere.”

Tutti noi siamo abili in alcuni contesti e molto limitati in altri. Quando ci sentiamo incompetenti, potremmo disperarci, pensando che saremo costretti ad imparare laboriosamente una nuova complessa abilità– e spesso ciò può essere vero.
Tuttavia, a volte possediamo già un’abilità appropriata in un altro contesto. Per esempio, qualcuno può trovarsi ad urlare ai propri figli mentre bisticciano, ed essere un mediatore altamente qualificato (e pagato) nel lavoro. Ogniqualvolta accade questo, tutto ciò che ti serve è applicare l’abilità che già possiedi al contesto problematico. “Cosa accadrebbe se pensassi che i tuoi figli stanno avendo una disputa aziendale?”
L’esempio che segue, di Don Aspromonte, un college di Dallas, Texas, è meraviglioso nella sua semplicità conversazionale:

“Un giorno di diversi anni fa, il sales manager di una grande azienda mi ha parlato del seguente problema. Uno dei suoi collaboratori chiave, che era responsabile della vendita di milioni di dollari di prodotti ogni anno, lo stava facendo impazzire, perché scriveva dei report assolutamente inutili. Ogni volta che il sales manager aveva bisogno di informazioni scritte, ciò che riceveva erano report mal organizzati, mal scritti, incompleti o anche sbagliati. Il manager mi chiese se c’era qualcosa che potessi fare per aiutare questo collaboratore, perché il suo posto di lavoro era a rischio.

Mi sedetti con il collaboratore, e gli chiesi del problema della stesura dei report. Lui sapeva che il suo capo stava avendo qualche tipo di problema con i report, ma non era consapevole della gravità della situazione. Mentre parlavamo, divenne ovvio che non era mai stato molto bravo ad organizzare informazioni per una comunicazione scritta. Era come se il suo cervello fosse “rotto” in quel posto speciale che genera report.

Io sapevo che il suo hobby principale era correre. In effetti, era un maratoneta amatoriale piuttosto serio. Iniziai col fargli domande sulle maratone – un argomento di cui non sapevo quasi nulla. All’inizio mi disse semplicemente cose generali sull’entrare nello stato adeguato, fare pratica, ed il tipo di cose che diresti a qualcuno che non sa quasi nulla del tuo hobby. Continuai ad entrare nel dettaglio facendo domande come “Che cosa serve per essere veramente, veramente bravi a correre una maratona?”, quando improvvisamente iniziò quasi a vivere l’esperienza. Disse: “Beh, quello che faccio io è spezzare la corsa in segmenti logici. Poi analizzo ogni specifico pezzo della corsa e decido come voglio correre quel pezzo. È chiaro che devo tenere in mente l’intera corsa per essere sicuro di tenere il passo”.

Lo interruppi e gli chiesi: “Quali corrispondenze puoi trovare fra ciò che serve per correre con successo una maratona, e scrivere un buon report?”

La trasformazione fu straordinaria. Improvvisamente potei vederlo iniziare a fare connessioni nella parte “rotta” del suo cervello. Iniziò a spiegarmi che c’erano molte corrispondenze fra le due attività, di cui non si era mai accorto prima. Lo lasciai ponderare queste idee, e tornai al mio lavoro.

Alcuni giorni dopo, il sales manager mi chiese di andare nel suo ufficio. Disse: “voglio che dai un’occhiata a questo report. È uno dei migliori report che abbia mai ricevuto da qualcuno che lavori per me. È ordinato, completo, conciso, e accurato. Che cosa gli hai fatto?” e io risposi: “Gli ho insegnato a correre un report”.

Ciascuno di noi ha sviluppato dei modi eccellenti per raggiungere risultati nei nostri hobby, nella nostra vita personale e nel lavoro. Spesso semplicemente non applichiamo queste abilità in altre aree della nostra vita. Ho notato in particolare che le persone non applicano strategie che usano nei loro hobby nel campo lavorativo. Se sei un grande cuoco, potresti vedere il tuo lavoro come la preparazione di un speciale banchetto festivo per amici e parenti. Se sei un musicista, potresti comporre o orchestrare la tua giornata in ufficio, e tornartene a casa più felice e rinfrancato.

Lascio alla tua immaginazione scoprire come puoi divertirti ad utilizzare le abilità che possiedi già, in nuove aree.
di Steve Andreas
Traduzione di Erica Holland

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi