Il lato positivo delle emozioni negative

Ci sono tanti tipi di emozioni, ma in genere amiamo suddividerle in due sole categorie: quelle positive e quelle negative. Nel nostro sentire, le prime sono “giuste”, le seconde no. Può capitare, ascoltando una persona, di vederla un po’ turbata e poi, nel bel mezzo della descrizione delle sue esperienze dolorose, sentirla dire: “mi dispiace d’essere così negativa”.

Un obiettivo fondamentale di un Counseling (o anche di una terapia) è quello di imparare a riconoscere ed esprimere una vasta gamma di emozioni. In questi ultimi anni invece si è notato un aumento del numero di persone che si sentono anche in colpa o vergogna di ciò che essi percepiscono come negatività. Tali reazioni indubbiamente derivano da pregiudizi che nella nostra cultura enfatizzano il pensiero positivo. Anche se emozioni positive come gioia, fiducia, serenità, sono quelle che vale la pena di coltivare, i problemi sorgono quando la gente inizia a credere che deve essere ottimista per tutto il tempo.

Tristezza significativa

Pensieri ed emozioni positive possono, ovviamente, andare a beneficio della salute mentale. Le teorie edoniche definiscono benessere come la presenza di emozioni positive, la relativa assenza di emozione negativa e un senso di soddisfazione nella vita. Portata all’estremo, tuttavia, questa definizione non è congruente con il disordine della vita reale. Inoltre, la prospettiva della gente può diventare così rosea da ignorare i pericoli o diventare compiacente? [vedi “Può un pensiero positivo essere negativo?” Di Scott O. Lilienfeld e Hal Arkowitz; Scientific American, maggio / giugno 2011].

Gli approcci “eudemonici”, d’altra parte, sottolineano il senso di significato, la crescita personale e la comprensione degli auto-obiettivi che derivano dal confronto con le avversità della vita. Le sensazioni sgradevoli sono altrettanto cruciali come quelle piacevoli per aiutare a dare un senso agli alti e bassi della vita.

Ricordate, uno dei motivi principali per cui abbiamo emozioni è in primo luogo quello di aiutarci a valutare le nostre esperienze”, dice Adler.

Adler e Hal E. Hershfield, un professore di marketing alla New York University, hanno studiato il legame tra esperienza emotiva mista e benessere psicologico in un gruppo di persone che seguono 12 sedute di psicoterapia. Prima di ogni sessione, i partecipanti hanno completato un questionario che ha valutato il loro benessere psicologico. Hanno anche scritto racconti che descrivono i loro eventi della vita e il loro tempo in terapia, che sono stati codificati per il contenuto emotivo. Come Adler e Hershfield hanno segnalato nel 2012, ricorrono sensazioni allegre e sconsolate allo stesso tempo. Ad esempio, un sentimento come “Mi sento triste a volte a causa di tutto quello che ho passato, ma sono anche felice e pieno di speranza perché sto lavorando con il mio problema” precede spesso miglioramenti del benessere nel corso della due settimane successive per i soggetti, anche se i sentimenti contrastanti erano sgradevoli al momento. “Prendendo il bene e il male insieme possono disintossicare le brutte esperienze, oggettivarne il significato in modo da sostenere il benessere psicologico”, concludono i ricercatori.

Le emozioni negative sono anche di aiuto per la nostra sopravvivenza. Sentimenti spiacevoli possono essere indizi vitali che un problema di salute, relazione o un’altra questione importante richiedono attenzione. Ci stanno informando che è meglio fare qualcosa per migliorare il nostro modo di essere nel mondo. Il valore per la sopravvivenza di pensieri ed emozioni negative può aiutare a spiegare il motivo per cui la loro soppressione è così controproducente. In uno studio psicologico del 2009 David J. Kavanagh della Queensland University of Technology in Australia ed i suoi colleghi hanno chiesto alle persone in trattamento per abuso di alcol e dipendenza da compilare un questionario che ha esaminato i loro impulsi e voglia di bere, in connessione con i tentativi di sopprimere i pensieri negativi relativi all’alcol nel corso delle precedenti 24 ore. I ricercatori hanno scoperto che coloro che combattevano contro stati d’animo spiacevoli legati all’alcol in realtà finivano per nutrire il desiderio di bere più degli altri. Risultati simili giungono da uno studio del 2010, dove si evidenzia che respingere le emozioni negative potrebbe incrementarle maggiormente rispetto a riconoscere semplicemente di essere ad esempio sconvolti, agitati o tristi.

Combattere non serve

Anche se evitate con successo la contemplazione di un pensiero negativo, il vostro subconscio potrebbe ancora soffermarsi su di esso. Nel 2011, nel corso di uno studio psicologico di Richard A. Bryant ed i suoi colleghi presso l’Università del New South Wales a Sydney, è stato detto ad alcuni partecipanti di sopprimere un pensiero indesiderato prima di dormire. Coloro che hanno cercato di attutire il pensiero hanno riferito di sognarlo di più, un fenomeno chiamato rimbalzo del sogno.
Sopprimere pensieri e sentimenti può anche essere dannoso. In uno studio del 2012 Eric L. Garland e i suoi colleghi della Florida State University hanno misurato una risposta allo stress basata sulla frequenza cardiaca in 58 adulti in trattamento per la dipendenza da alcol, mentre venivano esposti a stimoli (immagini e altro) collegati all’alcol. I soggetti hanno completato anche una misura della loro tendenza a sopprimere i pensieri. I ricercatori hanno scoperto che coloro che combattevano il loro pensiero negativo più spesso avevano risposte allo stress da stimolo più forti rispetto a quelli che lo facevano meno frequentemente.

Accettare il dolore

Le emozioni negative non vanno evitate, ma nemmeno coltivate. Riconoscete come ci si sente senza la fretta di cambiare il vostro stato emotivo. Molte persone trovano utile respirare lentamente e profondamente, mentre imparano a tollerare emozioni dolorose e a immaginare i sentimenti come nuvole fluttuanti, per ricordare che passeranno. E’ utile dire ai clienti che un pensiero è solo un pensiero e un sentimento solo una sensazione, niente di più. Non è una verità sul mondo, sulle cose, su loro. E’ semplicemente un avviso che occorre cambiare, trovare nuove vie per un migliore adattamento alla vita, o semplicemente aspettare che il tempo passi con una diversa disposizione d’animo. Proprio come quando il dolore di un muscolo dopo una contrattura ci dice che è meglio stare fermi: è quello che di solito si fa, invece di pensare di essere in colpa o di lagnarsi del mondo.

Se l’emozione è schiacciante, è consigliabile esprimere come ci si sente in un diario o ad un’altra persona. L’esercizio può spostare il punto di vista e portare un senso di sollievo. Se il disagio persiste, prendere in considerazione l’azione. E’ opportuno ad esempio dire ad un amico se il suo commento è stato offensivo, o adottare misure per lasciare un lavoro che rende infelici.

Si può anche provare a fare esercizi di mindfulness per aiutare se stessi a diventare consapevoli della propria esperienza attuale, senza esprimere un giudizio su di essa. Un modo per allenarsi a adottare questo stato è quello di concentrarsi sulla respirazione durante la meditazione e semplicemente riconoscere eventuali pensieri o sentimenti fugaci. Questa pratica può rendere più facile accettare i pensieri spiacevoli. All’inizio di quest’anno Garland ed i suoi colleghi hanno scoperto che tra 125 soggetti con una storia di trauma che erano anche in trattamento per la dipendenza da sostanze, coloro che erano naturalmente più consapevoli hanno affrontato meglio il loro trauma ed hanno avvertito di meno la necessità di sostanze. Allo stesso modo, in uno  studio del 2012 Shannon Sauer-Zavala della Boston University e dei suoi collaboratori hanno scoperto che una terapia che includeva la formazione mindfulness ha aiutato le persone a superare i disturbi d’ansia. E ha funzionato: non riducendo al minimo il numero di sentimenti negativi, ma attraverso la formazione dei pazienti ad accettarli.

“E’ impossibile evitare del tutto le emozioni negative perché vivere è anche sperimentare battute d’arresto e conflitti”, dice Sauer-Zavala. Imparare a far fronte a queste emozioni è la chiave, aggiunge.  E infatti, ogni volta  che un cliente accetta i suoi pensieri e sentimenti spiacevoli, scrollandosi di dosso la sua vergogna e senso di colpa, può vedere i suoi problemi con maggiore chiarezza e procedere lungo il percorso di cambiamento.

Vuoi imparare a gestire le tue emozioni negative?

Partecipa alla Sessione PNL Gratuita: a Milano l’11 maggio alle 19

Inviaci una Email e parliamone

Sessione di Counseling gratuita

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi