Anno nuovo, vita nuova. Ma quanto tempo serve per perdere un’abitudine?

Dalla quotidiana spazzolatura dentale al caffè delle 11, tutti noi abbiamo decine di abitudini che configurano la nostra routine quotidiana. Alcune sono ottime – gli allenamenti in palestra settimanali sono spesso incoraggiati – altre non tanto , come fumare un pacchetto al giorno , o comporre il numero della pizzeria troppo spesso . Siccome distinguiamo le nostre abitudini come comportamenti utili o dannosi , spesso ci sforziamo di reagire di conseguenza.
Nel mondo c’è sovrabbondanza di applicazioni progettate per aiutare a formare una nuova abitudine, e molte di queste sono costruite sul presupposto che tutto ciò che serve è tener duro per 21 giorni . Questo numero arriva da un libro molto popolare del 1960, intitolato Psicocibernetica, scritto da Maxwell Maltz , un chirurgo plastico che aveva notato come i suoi pazienti sembrassero necessitare di circa 21 giorni di tempo per abituarsi ai loro nuovi volti.

Tuttavia, secondo uno studio del 2009, il tempo necessario per formare l’abitudine in realtà non è così netto. I ricercatori della University College di Londra hanno esaminato le nuove abitudini di 96 persone nell’arco di 12 settimane, e hanno scoperto che il tempo medio necessario per appiccicare una nuova abitudine è in realtà di 66 giorni. Inoltre, i singoli tempi variavano da un periodo di 18 giorni fino a uno (sconfortante) di 254 giorni.

Il messaggio da mettersi in tasca è che se si desidera sviluppare un nuovo comportamento abitudinario ci vorranno almeno due mesi, e non si deve disperare se tre settimane non fanno il miracolo : per la maggior parte delle persone  non è semplicemente abbastanza. Insistete più a lungo, e vi ritroverete con un’abitudine che funziona senza pensarci.

Ma che dire se invece si tratta di rompere un’abitudine indesiderata?

Si scopre che i due termini – assuefazione e rottura – possono essere molto strettamente collegati. Come spiega la psicologa Alison Nastasi, timori e speranze sono due facce della stessa medaglia: “Rompere l’abitudine davvero significa stabilire una nuova abitudine, una nuova risposta pre-potente.  La vecchia abitudine o schema di risposta è ancora lì (una configurazione neurale nel cervello), ma diventa meno dominante (meno potente).
E ‘ molto più facile iniziare a fare qualcosa di nuovo piuttosto che smettere di fare qualcosa di abituale, senza un comportamento di sostituzione, dice il neuroscienziato Elliot Berkman. “Questo è uno dei motivi per cui gli aiuti per smettere di fumare come la nicotina da masticare o gli inalatori tendono ad essere più efficaci del cerotto alla nicotina.”

Gli esperti concordano sul fatto che non c’è periodo di tempo tipico per rompere l’abitudine, e la ricetta giusta sembra essere un mix di personalità, motivazione, circostanze, e l’abitudine in questione. “Le persone che vogliono dare un calcio  alla loro abitudine per motivi che sono allineati con i loro valori personali, cambieranno il loro comportamento più velocemente rispetto a persone che lo stanno facendo per motivi esterni come la pressione di altri”, dice Berkman. Secondo la professoressa di psicologia Susan Krauss Whitbourne, a volte l’abitudine può essere spezzata in fretta: “In casi estremi, l’abitudine può essere rotta immediatamente, se ad esempio vi capita di stare decisamente male inalando il fumo di sigaretta o di rischiare di finire sotto un autobus leggendo SMS mentre camminate ” Ma nella maggior parte dei casi vi serve decisamente più tempo, e probabilmente non meno di due mesi.

Per rompere con successo l’abitudine è necessario tenere agganciata la vostra motivazione più forte, che vi condurrà lontano. Pensate ad un “comportamento di sostituzione” per l’abitudine, ma assicuratevi che sia positivo – sostituire il fumo con spuntini è una trappola comune, per esempio. E siate pazienti. Più a lungo è durata l’abitudine, più tempo ci vorrà per sbarazzarsene.

Abitudini di vecchia data sono letteralmente radicate a livello neurale, in modo da determinare potentemente il comportamento“, spiega Berkman. “La buona notizia è che le persone sono quasi sempre in grado di fare qualcosa di diverso quando sono messe a conoscenza del vizio e sono sufficientemente motivate ​​a cambiare.”

Così siate forti. Potete farcela.

———————————–
Di Camillo Sperzagni

 

Scopri i tuoi schemi mentali e impara a cambiarli. Come?

Impara la PNL Sistemica: iscriviti al Practitioner

Prenota un colloquio gratuito one2one

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi