Come realizzare i propri sogni?

Sognare, darsi obiettivi e realizzarli: il processo e le qualità che servono per raggiungere ciò che desidera



...E se qualcuno stesse cercando di manipolarci?

Un modello d’eccezione

Walt Disney è stato probabilmente una delle figure più geniali e innovatrici nell’industria dell’intrattenimento del 20° secolo.
Per realizzare e per dar forma ed espressione pratica alla sua creatività Disney utilizzava un processo creativo a cui diede il nome di “Imagineering” (una combinazione delle parole ‘immagination’ e ‘engineering’) grazie al quale era in grado di trasformare i suoi sogni e le sue visioni in realtà, e successivamente creare e organizzare i processi per realizzarli a livello “industriale”.


Quale strategia?

Robert Dilts (uno dei fondatori della PNL) basandosi sull’osservazione del processo creativo di Walt Disney ne estrasse la strategia, che divenne un modello della futura teoria delle Posizioni della Leadership. Disney aveva un’immaginazione straordinaria ed era un vero sognatore creativo. Sognare infatti è la prima fase per la fabbricazione di un desiderio. Tutti sogniamo quello che desideriamo, quello che potremmo fare, come le cose potrebbero essere diverse, ma come possiamo manifestare questi sogni nel mondo reale? E come faceva ad essere sicuro che il sogno sarebbe stato accettato dalla critica?

Sognare, realizzare, criticare

Disney prima creava un sogno, una visione dell’intero film. Poi prendeva i sentimenti di ogni personaggio del film immaginando come sarebbe apparsa la storia attraverso i loro occhi. Poi guardava il suo progetto in modo più realistico. Faceva un bilancio dei costi, dei tempi, delle risorse e raccoglieva tutte le informazioni necessarie per assicurarsi che il film potesse avere successo, che il sogno diventasse realtà. Infine passava ad un altro punto di vista: quello di un pubblico critico. Si chiedeva “cosa interesserà? Cosa divertirà?”

Disney usava in sostanza 3 processi differenti: il sognatore, il realizzatore e il critico. Ogni stato è associato a una diversa configurazione mentale e fisiologica, che egli stesso aveva la capacità di assumere alternativamente. E naturalmente sapeva scegliere i corrispondenti collaboratori da inserire in team coerenti deputati ad ognuno dei tre processi.

Ognuno di noi può utilizzare questa strategia durante la pianificazione di un progetto, per guidarti a raggiungere un obiettivo, quando ti trovi in una fase di stallo durante un progetto e ogni qual volta vuoi ottenere di più dalla tua creatività. Questa strategia può essere utilizzata sia individualmente sia in gruppo.



Sognatore

Brainstorming creativo.
Chiediti: che cosa desidero?
Assumi una postura e un’espressione da sognatore e accedi al canale visivo, silenziando i ragionamenti e i giudizi interni.

l

Realizzatore

Progettazione e implementazione.
Chiediti: cosa devo fare per trasformare il mio progetto in realtà?
Assumi una postura e un’espressione adatta a quando fai concretamente qualcosa

s

Critico

La critica costruttiva.
Chiediti: cosa potrebbe andare storto? Cosa potrebbe non piacere ai miei target?
Assumi una postura inclinata e un’espressione con lo sguardo verso il basso e ascolta le tue voci interne.

 

Vieni ad imparare la tecnica alla Sessione PNL Gratuita.
Sviluppa le tue soft skills.


Impara la PNL Sistemica: iscriviti al Practitioner

Vieni a provare concretamente la tecnica alla Sessione PNL Gratuita: a Milano il 13 giugno alle 19.00

Regalati un precorso di Coaching o Counseling